#

Le azioni nei menu

Scopriamo come utilizzare i tasti di movimento all'interno dei menu.


Torniamo ad occuparci dei menu e di come possiamo migliorare l'interattività dei nostri lavori

Finora abbiamo associato ad ogni pulsante il solo effetto della pressione del tasto, ovvero la sua conferma, ma ad ogni pulsante presente nel menu possiamo associare altre quattro azioni legate alla pressione dei tasti direzionali sul telecomando

In effetti questi eventi sono stati gestiti finora in maniera implicita consentendoci di spostarci da un bottone all'altro; gestendoli manualmente possiamo non solo spostarci tra i vari pulsanti nella maniera a noi più gradita, ma possiamo anche attivare filmati o altri menu.

Un menu con le actions.
Figura 15-1
Un menu con le actions.

Nell'esempio che vedremo nel prossimo capitolo avremo sulla sinistra un rullo di immagini che potremo far scorrere verso l'alto o verso il basso, mentre sulla destra sarà presente l'immagine ingrandita della scena che potra' essere attivata con l'invio o con la freccia a destra.

La Figura 15-1 ci presenta questo nuovo tipo di menu che utilizzeremo per la selezione scene e per la lista dei trailers

Nell'esempio in questione il menu ha un solo pulsante (in corrispondenza del riquadro piccolo centrale), creato con le tecniche che già conosciamo, quello che è diverso è il file di controllo di spumux che ha che ha questa forma:

<subpictures>
	<stream>
		<spu start="0" 
		  end="0" 
		  force="yes" 
		  highlight="work\wide_169_mask.png" 
		  select="work\wide_169_mask.png" 
		  xoffset="0" 
		  yoffset="0">
			<button name="Button1" 
			  x0="105" 
			  y0="214" 
			  x1="278" 
			  y1="362" 
			  left="ActionLeft" 
			  right="ActionRight" 
			  up="ActionUp" 
			  down="ActionDown"/>
			<action name="ActionLeft"/>
			<action name="ActionRight"/>
			<action name="ActionUp"/>
			<action name="ActionDown"/>
		</spu>
	</stream>
</subpictures>

La differenza rispetto ai file che abbiamo visto sinora consiste nella definizione di quattro nuovi pulsanti fittizi (quelli definiti dal tag action) e dal loro collegamento ad appositi attributi del pulsante al quale si applicano.

Sfortunatamente non possiamo più affidarci al riconoscimento automatico dei pulsanti effettuato da spumux, ma dovremo specificare tutto manualmente (o meglio utilizzare il programma contenuto nel Listato 18 (Nuova pagina))

I nuovi pulsanti saranno utilizzati da dvdauthor come qualsiasi pulsante "standard"; solo per comodità li chiamaremo per nome, ma questo non è affatto indispensabile.

	<pgc>
		<pre>g5 = 2; button = 1024;</pre>
		<vob file="menu\trailers2.mpg"/>
		<button name="Button1">jump title 2;</button>
		<button name="ActionLeft">jump vmgm menu 4;</button>
		<button name="ActionRight">jump title 2;</button>
		<button name="ActionUp">g5 = 1; jump menu 1;</button>
		<button name="ActionDown">jump menu 3;</button>
	</pgc>

Dalla struttura ne discende che dovremo realizzare un singolo menu per ogni opzione: siamo ormai abituati a non realizzare nulla manualmente e quindi vedremo nel prossimo capitolo quali strumenti utilizzare per automatizzare il tutto.

Inizio pagina
Successivo
Sommario
Precedente
 
Creative Commons  License BY-NC-SA
Ove non diversamente specificato i contenuti del sito sono rilasciati con licenza Creative Commons BY-NC-SA 4.0 

Copyright © 2007-2020 The Strawberry Field - Roberto Ceccarelli