#

Fotografare con il cellulare

I nuovi cellulari includono una piccola fotocamera, qualche considerazione per utilizzarla meglio.


Ormai anche i cellulari da poche decine di euro integrano una piccola fotocamera, magari con la semplice risoluzione VGA 640x480 che mi sono sempre chiesto a cosa potesse servire.

Il porto di Cesenatico
Figura 1
Il porto di Cesenatico

Il caso vuole che qualche mese fa il mio telefono si guastasse e dunque mi comperai in una offerta un Nokia 2630 dotato tra l'altro della fotocamera a risoluzione VGA pubblicizzata con tanto di zoom 4x!

Dopo essermi accertato che il dispositivo assolvesse alla funzione per la quale lo avevo comperato (cioè telefonare) ho provato a vedere come funzionava la fotocamera.

Si inquadra attraverso uno "spiocino" di 128x96 pixel che risulta a volte di difficile leggibilità a causa della supeficie notevolmente riflettente del display, non si regola assolutamente nulla per l'esposizione, la messa a fuoco o il bilanciamento del bianco.

Scattiamo! Come potevo aspettarmi c'è un sensibile ritardo tra la pressione del pulsante e il momento in cui la scena viene effettivamente ripresa (ma questo è un difetto tipico anche delle compatte di marchi molto blasonati), poi il telefono emette un suono che dovrebbe simulare lo scatto di una macchina tradizionale (opzione fortunatamente disabilitabile) e poi costringe a stare parecchi secondi in contemplazione dell'immagine appena scattata.

Il treno delle castagne
Figura 2
Il treno delle castagne

Questa è un'altra di quelle cose che ho subito eliminato perchè durante questa "anteprima" non si può fare altro che cancellare l'immagine visualizzata. Tutte queste attese sono per me inconcepibili: l'apparecchio deve scattare immediatamente e se necessario a raffica.

Adesso è il momento di guardare i risultati ottenuti. Sul display le immagini appaiono abbastanza dettagliate e sature nei colori, ma ricordiamoci che sono ridotte ad un quinto della loro dimensione reale.

Quando le trasferiamo sul PC le cose appaiono diversamente. Infatti la gamma di valori di luminosità è abbastanza compressa con estese bruciature sia delle alte che delle basse luci ed i colori appaiono piuttosto sbiaditi. Il dettaglio si perde facilmente nei dettagli più fini (ad esempio un albero con le foglie presenta queste ultime tutte impastate, ma ricordiamoci che la risoluzione è veramente infima). Infine anche il bianco non è sempre impeccabile in quanto spesso sono presenti dominanti cyano o magenta.

Autunno a Santarcangelo di Romagna
Figura 3
Autunno a Santarcangelo di Romagna

Un piccolo intervento con un programma di fotoritocco può contribuire a migliorare qualcosa, ma il fatto che ci possa arrivare solo un jpeg (di cui non abbiamo alcun controllo in fase di creazione) non ci lascia grandi margini di manovra.

Quindi limitiamoci a riprendere soggetti senza dettagli troppo fini, con una buona illuminazione non troppo "cruda" e sicuramente otterremo dei risultati sufficienti. Ho anche fatto delle stampe 12x16 (o meglio, le ho fatte fare ad un laboratorio) e pur notandosi la risoluzione piuttosto bassa non sfiguravano del tutto specialmente se mostrate a chi si preoccupava più dei soggetti che della tecnica.

L'ottica appare essere decisamente grandangolare, ma tra le varie cose sembra esserci una funzione zoom. Guardando l'obiettivo non si riesce a capire come faccia, ma se si attiva la funzione nel display effettivamente l'immagine si ingrandisce.

Cesena:
Figura 4
Cesena: "la Barriera"

Solo dopo aver trasferito le immagini nel computer l'arcano è svelato: il sistema si limita a ritagliare la parte centrale dell'immagine senza neanche prendersi la briga di interpolarla. In pratica otteniamo solo delle immagini più piccole!

Nonostante tutti i difetti elencati il telefono ha il vantaggio di essere sempre in tasca e può venire utile per catturare idee anche quando non si ha a disposizione una apparecchiatura fotografica idonea. Dopotutto non è mica una reflex professionale.

Le foto di questa pagina esemplificano quello che si può fare anche in condizioni "estreme"

Inizio pagina
Successivo
Sommario
Precedente
 
Creative Commons  License BY-NC-SA
Ove non diversamente specificato i contenuti del sito sono rilasciati con licenza Creative Commons BY-NC-SA 4.0 

Copyright © 2007-2020 The Strawberry Field - Roberto Ceccarelli